Chalandamarz


Categoria:
Pratiche sociali
Cantone:

Descrizione

In romancio, il termine Chalandamarz indica l’inizio (le calende) di marzo, giorno in cui si scaccia l’inverno a suon di campanacci e si saluta l’arrivo della primavera. Questa usanza, illustrata nel celebre libro per bambini Una campana per Ursli di Selina Chönz e Alois Carigiet, è praticata in Engadina, in Val Monastero, in Val Bregaglia, in Valposchiavo, in Val Mesolcina, in Val Sursette e nella Valle dell’Albula. Fatta eccezione per i dettagli, diversi in ogni villaggio, il filo conduttore della cerimonia è ovunque lo stesso: di buon mattino, gli allievi delle scuole sfilano in costume tradizionale, con camicia da contadino e berretto a punta, attorno alle fontane e di casa in casa agitando campanacci, schioccando fruste e intonando antichi canti. La popolazione offre loro cibo e denaro per finanziare il pasto comune e la gita scolastica. In alcuni paesi, come Zuoz o Samedan, la sfilata è aperta unicamente ai ragazzi. A Zuoz, in particolare, le esercitazioni con la frusta iniziano già il 1° febbraio e due domeniche prima della festa ha luogo la prova generale del corteo. Il giorno del Chalandamarz, i ragazzi sfilano per le strade del paese travestiti chi da pastore, chi da mucca con tanto di campanaccio, mentre le ragazze preparano la cena e la serata danzante che chiude la festa. A Scuol, oltre al corteo si svolge una gara di schiocco di frusta. Il Chalandamarz di Ftan, invece, somiglia più a un corteo carnascialesco: i ragazzi sfilano mascherati e ‘picchiano’ le ragazze con vesciche di maiale gonfiate. In val Poschiavo e in Val Mesolcina si dà fuoco a un pupazzo di neve che simboleggia l’inverno.

Gallerie di immagini

  • «Chalandamarz» in Bassa Engadina © Peter Donatsch/Graubünden Ferien
  • «Chalandamarz» a Scuol © Peter Donatsch/Graubünden Ferien
  • Gara di schiocco di frusta a Scuol © Peter Donatsch/Graubünden Ferien
  • «Chalandamarz» a Guarda © Andrea Badrutt, Chur/ Engadin-Scuol Tourismus
  • «Chalandamarz» a Guarda © Nicolo Bass, Engadiner Post
  • «Chalandamarz» a Celerina © Reto Stifel, Engadiner Post
  • «Chalandamarz» a Samedan © Duri Zisler, Samedan, 2007
  • «Chalandamarz» a Ftan © Schule Ftan, 2004
  • A Ftan, i ragazzi ‘picchiano’ le ragazze con vesciche di maiale gonfiate © Martina Fontana, Ftan
  • A sinistra il tradizionale copricapo in pelliccia di capra («bulavitra») indossato a Ftan © Schule Ftan, 2005
  • Tra i temi del «Pupocc da marz» 2011, l’eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajökull © Nadia Garbellini, Poschiavo 2011
  • Altro tema del «Pupocc da marz»: la nuova uniforme scolastica (la pellegrina) © Nadia Garbellini, Poschiavo 2011
  • «Pupocc da marz»: l’inverno viene scacciato con il fuoco © Nadia Garbellini, Poschiavo 2011
  • «Chalandamarz» a Zuoz © Martina Shuler
  • «Chalandamarz» a Zuoz © Martina Shuler
  • Chalandamarz a Guarda (Guarda, 28.2.2017) © Scoula Scuol
  • La sfilata intorno alla fontana (Guarda, 1.3.2017) © Scoula Scuol
  • Una canzone di Chalandamarz di Otto Barblan © Kantonsbibliothek Graubünden
  • «Chalandamarz» in Bassa Engadina © Peter Donatsch/Graubünden Ferien
  • «Chalandamarz» a Scuol © Peter Donatsch/Graubünden Ferien
  • Gara di schiocco di frusta a Scuol © Peter Donatsch/Graubünden Ferien
  • «Chalandamarz» a Guarda © Andrea Badrutt, Chur/ Engadin-Scuol Tourismus
  • «Chalandamarz» a Guarda © Nicolo Bass, Engadiner Post
  • «Chalandamarz» a Celerina © Reto Stifel, Engadiner Post
  • «Chalandamarz» a Samedan © Duri Zisler, Samedan, 2007
  • «Chalandamarz» a Ftan © Schule Ftan, 2004
  • A Ftan, i ragazzi ‘picchiano’ le ragazze con vesciche di maiale gonfiate © Martina Fontana, Ftan
  • A sinistra il tradizionale copricapo in pelliccia di capra («bulavitra») indossato a Ftan © Schule Ftan, 2005
  • Tra i temi del «Pupocc da marz» 2011, l’eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajökull © Nadia Garbellini, Poschiavo 2011
  • Altro tema del «Pupocc da marz»: la nuova uniforme scolastica (la pellegrina) © Nadia Garbellini, Poschiavo 2011
  • «Pupocc da marz»: l’inverno viene scacciato con il fuoco © Nadia Garbellini, Poschiavo 2011
  • «Chalandamarz» a Zuoz © Martina Shuler
  • «Chalandamarz» a Zuoz © Martina Shuler
  • Chalandamarz a Guarda (Guarda, 28.2.2017) © Scoula Scuol
  • La sfilata intorno alla fontana (Guarda, 1.3.2017) © Scoula Scuol
  • Una canzone di Chalandamarz di Otto Barblan © Kantonsbibliothek Graubünden

Documenti video

«Chalandamarz» nei Grigioni © RTR, 1.3.2001

«Chalandamarz» a Ftan © RTR, 3.3.2007

«Chalandamarz» a Guarda © RTR, 1.3.1995

Referenze e dossier

Pubblicazioni
  • Albert Bärtsch: Schweizer Feste und Bräuche. Wädenswil, 2009

  • Werner Catrina: Ein Frühlingsfest im Tiefschnee. In: Feste im Alpenraum. Zürich, 1997

  • Chalandamarz. In: Dicziunari Rumantsch Grischun. Ed. Società retorumantscha. Chur, 1939-

  • Gion Gaudenz: Chalandamarz in Engiadin'Ota. In: Das Jahr der Schweiz in Fest und Brauch. Zürich, 1981

  • Fadrina Hofmann: Der Chalandamarz-Held ist männlich und Peitschenknaller. In: Südostschweiz, 2.3.2010

  • Riccardo Tognina: Puschlaver Volksbräuche und Dorffeste. In: Terra Grischuna no. 5, 1965

  • Riccardo Tognina: Volksleben und Volksbräuche im Puschlav. In: Terra Grischuna no. 6, 1979

  • Cla Schur: Chalandamarz in Ftan, anders als Schellenursli. In: Bündner Woche, 27.2.2013

  • Coro della Radiotelevisone della Svizzera italiana: Chalandamarz, chaland'avrigl. In: Schweizer Chormusik, Volume 2 (Compact Disc). Zürich (Musikverlag Pan), 1994

  • Radiotelevisiun Svizra Rumantscha: Chalandamarz. In: Der klingende Jahreskreis (Compact Disc). Ed. Brigitte Bachmann-Geiser. Oberhofen am Thunersee (Zytglogge-Verlag), 2013

Dossier
  • Chalandamarz

    descrizione dettagliata Ultima modifica: 13.07.2018
    Grandezza: 387 kb
    Tipo: PDF