Groppenfasnacht


Categoria:
Pratiche sociali
Cantone:

Descrizione

Il Groppenfasnacht – il carnevale dello scazzone (un pesce che vive nei fondali poco profondi del Lago di Costanza) – di Ermatingen è il più tardivo della Svizzera, poiché si svolge tre settimane prima di Pasqua. È un'usanza che combina tre ricorrenze: la festa dei pescatori, la festa di primavera e il carnevale. Il momento clou della manifestazione è il corteo, che si tiene ogni tre anni, «dello scazzone» (Groppenumzug): 1200 partecipanti sfilano nelle strade del paese davanti a 15 000 spettatori. Il corteo è aperto da uno scazzone di dimensioni gigantesche, dietro il quale seguono gruppi di pescatori in abiti tradizionali, carri con motivi primaverili, personaggi fiabeschi, gruppi carnascialeschi e guggen. Durante lo spettacolo al pubblico sono offerti filettini di pesce fritto e vino bianco della regione. Fa da cornice al corteo una festa popolare che dura più giorni, con una serata carnascialesca cui partecipano i ristoranti del posto e il tradizionale Lumpenball (ballo in maschera).

Fra le leggende popolari sull'origine di questo carnevale, la più plausibile sembra essere quella che riconduce l'evento a una festa di primavera dei pescatori di Ermatingen. Nessun'altra cittadina della Svizzera vanta una tradizione di pesca antica come quella della località turgoviese, un tempo famosa per la pesca del Gangfisch, un particolare tipo di coregone che vive nel Lago di Costanza (Coregonus macrocephalus o exiguus). Le reti da pesca e le chiatte nere da cui venivano gettate erano chiamate Segi, e i pescatori Segimanne. Questa pesca tradizionale praticata a Ermatingen è nel frattempo scomparsa.

Gallerie di immagini

  • Corteo carnascialesco: l'enorme scazzone © Daniel Höhn
  • Corteo carnascialesco: un motivo primaverile © Groppenkomitee Ermatingen
  • Un folto pubblico assiste al corteo carnascialesco © Daniel Höhn
  • La prima donna del comitato © Groppenkomitee Ermatingen
  • Fritz Ribi con il pescato del giorno © Daniel Höhn
  • Lo scazzone del 1956 © Groppenkomitee Ermatingen
  • Il comitato del carnevale dello scazzone © Groppenkomitee Ermatingen
  • Pescatori sull'imponente «Gangfischsegi»; sullo sfondo, Ermatingen © Groppenkomitee Ermatingen
  • Corteo carnascialesco: l'enorme scazzone © Daniel Höhn
  • Corteo carnascialesco: un motivo primaverile © Groppenkomitee Ermatingen
  • Un folto pubblico assiste al corteo carnascialesco © Daniel Höhn
  • La prima donna del comitato © Groppenkomitee Ermatingen
  • Fritz Ribi con il pescato del giorno © Daniel Höhn
  • Lo scazzone del 1956 © Groppenkomitee Ermatingen
  • Il comitato del carnevale dello scazzone © Groppenkomitee Ermatingen
  • Pescatori sull'imponente «Gangfischsegi»; sullo sfondo, Ermatingen © Groppenkomitee Ermatingen

Referenze e dossier

Pubblicazioni
  • Ferdinand Bolt: Die Ermatinger Groppenfasnacht. In: Thurgauer Jahresmappe. Arbon, 1967, p. 16-17

  • Thomas Vaterlaus, Monika Schiess: Der See, das Dorf und sein Fest. Ermatingen und der grosse Groppenumzug. Zürich, 2004

  • Wie entstand die Groppenfasnacht? In: Ermatinger Geschäftsblatt. 9. Ermatingen, 1949

Dossier
  • Groppenfasnacht

    Ausführliche Beschreibung Ultima modifica: 16.07.2012
    Grandezza: 294 kb
    Tipo: PDF